Via Feltrina Nuova 3, 31044 Montebelluna (TV)

SCREENING PER IL BAMBINO

Una visione difficoltosa può costituire una forte limitazione!

Nei primi anni di vita infatti il bambino è curioso e deve poter sperimentare liberamente, in modo da formare il carattere e creare le basi per un corretto apprendimento.

La vista per un bambino rappresenta la sua finestra sul mondo.
Ci sono però numerose patologie che possono compromettere lo sviluppo visivo del bambino e sono difficili da individuare poiché l’occhio in così giovane età è estremamente adattabile.
Lo screening visivo per il bambino, serve proprio ad individuare tempestivamente eventuali problematiche, in maniera non invasiva.

 Un bambino che vede bene oggi sarà un adulto senza difficoltà domani.

IL PRIMO CONTROLLO DELLA VISTA

Dopo i due anni di età si raccomanda uno screening visivo per l bambino, utile per escludere difetti della vista o refrattivi.
Nel bambino infatti non sono rare problematiche come:

  • vizi di refrazione, ovvero miopiaipermetropia e astigmatismo;
  • ambliopia, conosciuta come “occhio pigro”, che può essere trattata solo nei primi 5 anni di vita;
  • strabismo, quando gli assi visivi degli occhi non sono allineati (se non si interviene in tempo può diventare permanente);
  • anomalie della motilità oculare che possono comportare visione doppia, confusione e paralisi oculare.

Una visita dal pediatra non è sufficiente, lo screening deve essere eseguito da un oculista o un ortottista.
I test sono abbastanza rapidi ma fondamentali per la diagnostica di difetti che se presi in tempo non limiteranno lo sviluppo visivo del bambino.

PREVENZIONE FONDAMENTALE PER LO SVILUPPO VISIVO

La tempestività della diagnosi è importantissima poiché fino ai 5-6 anni il sistema visivo è ancora molto “plastico” e ciò permette il recupero di eventuali difetti della vista.
Se si notano anomalie particolari nel comportamento del bambino è consigliabile ricorrere subito alla visita.
Ecco in quali casi:

  • il bambino strizza gli occhi quando osserva lontano;
  • chiude un occhio quando guarda verso la luce;
  • inclina o ruota la testa con una certa frequenza;
  • sfrega gli occhi molto spesso;
  • presenta occhi rossi e/o intensa lacrimazione;
  • tiene le palpebre abbassate.

VISTA E APPRENDIMENTO 

Se il deficit visivo non viene riconosciuto in tempo, potrebbe creare al bambino problemi a sviluppare il proprio potenziale di apprendimento.
Capita spesso infatti che i bambini con un quoziente intellettivo sopra la media siano penalizzati proprio da un disturbo visivo.
Ecco quali sono i segnali che possono farci riconoscere un disturbo dell’apprendimento collegato alla vista:

  • invertire alcune lettere;
  • perdere la riga facilmente o inventare la parte finale delle parole;
  • mal di testa in seguito ad una lettura prolungata;
  • scarsa memoria e comprensione del testo;
  • avvicinarsi troppo al libro;
  • scarsa concentrazione e difficoltà a svolgere i compiti per casa.

Per appurare l’origine del disturbo è sempre e comunque consigliato un controllo optometrico, utile a rilevare eventuali problemi visivi che possono rendere difficili lettura e comprensione.
Il controllo della vista, isolando il problema, identifica anche la miglior soluzione tra occhialilenti o ginnastica oculare correttiva.

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, esso può memorizzare informazioni attraverso il tuo browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi cambiare le tue preferenze sulla privacy. Considera però che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza di navigazione all'interno nostro sito Web e sui servizi che offriamo.